Il dottor Grossman e lo strano caso del gatto che non voleva sentirsi cane – di Margherita Melzi

Il dottor Grossman, dobbiamo ammetterlo, era un intellettuale vero. Vero in quanto integrale e integrale in quanto capace non solo di sintetizzare i concetti fino a trarne le estreme, logiche conseguenze, ma anche coraggioso al punto di assumerle su di sé, in uno slancio etico non indifferente. Al professore cioè Read more…